Niente più caraffe filtranti: una nuova soluzione naturale e a zero rifiuti per depurare l’acqua

La storia di LaVie

Due imprenditori francesi hanno sviluppato un dispositivo in grado di depurare l’acqua in 15 minuti in modo naturale e senza produrre rifiuti, grazie ai LED: niente più cloro e il suo sapore sgradevole, ma anche inquinanti organici. Riunione.

Saadi e Pascal, co-inventori di LaVie

Purificateur LaVie Pascal et Saadi

Saadi Brahmi

Ampia competenza in ingegneria meccanica.
Lancio di diverse aziende di successo nel settore delle energie rinnovabili in Francia e in Nord Africa.

Pascal Nuti

Imprenditore fin dai vent’anni.
Creazione di diverse società di veicoli elettrici (Francia, Tunisia), tra cui Eon Motors, commercializzata nel 2007.

Questa è la storia di due amici del Sud della Francia, con tante idee in testa, che un giorno decidono di unire le forze per creare la loro azienda, con l’ambizione di innovare nel campo dell’ecologia. Fino a questo punto, l’avventura potrebbe sembrare piuttosto banale. Ma nel corso dei loro esperimenti, Pascal Nuti e Saadi Brahmi hanno fatto una scoperta che potrebbe rivoluzionare l’accesso all’acqua potabile in tutto il mondo…

Verre LaVie

È iniziata nel 2015 con due uomini che si conoscevano già da una decina d’anni, avendo condiviso progetti legati alla mobilità elettrica”, ricorda Pascal Nuti. Il mio collega lavorava in un’azienda di pannelli solari che era alla fine del suo ciclo di vita. Volevamo avviare una macchina da guerra, innovare, e la prima cosa che ci è venuta in mente è stata quella di risolvere il problema numero uno o quasi del mondo, ovvero l’accesso all’acqua potabile. Avendo un po’ di esperienza nel campo del solare e dell’energia, abbiamo pensato di risolvere il problema in modo solare”.

Soluzione solare per i paesi in via di sviluppo

I due soci hanno quindi fondato Solable (per “solar” e “drinking”) e hanno lavorato in particolare sugli scaldacqua solari. Alla fine ci siamo resi conto che non avrebbe mai funzionato: abbiamo sviluppato prototipi e vinto premi per l’innovazione, ma alla fine ci siamo fermati, perché abbiamo dovuto adattarci a certe richieste dall’Europa che non ci soddisfacevano”, spiega Pascal Nuti. In ogni caso, la nostra ricerca ci ha portato a ridurre il formato, perché stavamo lavorando su macchine collettive e ci siamo resi conto che i Paesi in via di sviluppo, il nostro target iniziale, non potevano permettersele. Abbiamo dovuto ridurre il formato e rendere il prodotto accessibile a tutti”.

In questa fase, i colleghi stanno lavorando su prototipi di bottiglie da 1 litro e stanno iniziando a fare la concentrazione solare. Abbiamo iniziato a pastorizzare l’acqua, che consiste nel portarla a 60°C per eliminare i batteri”, spiega Pascal Nuti. Bisogna rendersi conto che i batteri sono il problema numero uno nei paesi in via di sviluppo, anche se oggi, purtroppo, si aggiunge l’inquinamento chimico.

In una giornata di sole ad Aix-en-Provence, Pascal Nuti e Saadi Brahmi hanno sperimentato la “pastorizzazione” dell’acqua grazie al sole e l’hanno bevuta. Ci siamo guardati un po’ stupidi, perché l’acqua aveva cambiato sapore, ma la pastorizzazione non dovrebbe cambiare il sapore: uccide solo i batteri”, osserva Pascal Nuti. Il giorno dopo, un po’ più tranquilli, abbiamo ripetuto l’esperimento. E un mese dopo abbiamo capito perché. Alcuni raggi del sole avevano ucciso il cloro, eliminando nel contempo il sapore dell’acqua del rubinetto.

L’esperimento era già stato condotto in Canada: “Gli scienziati avevano provato a uccidere il cloro con la luce UV, ma non ci erano riusciti, quindi avevano dedotto che fosse pericoloso”, osserva l’imprenditore. Il processo degrada le molecole, creando intermedi che possono essere più pericolosi del prodotto originale. Da parte nostra, ci assicuriamo di ottenere un abbattimento totale e non abbiamo mai avuto prodotti pericolosi: li abbiamo ovviamente cercati”. Questo significa che basta mettere una bottiglia al sole per un po’ per eliminare tutti i batteri e il cloro? “Sì, a patto che siate sicuri che ci sia cloro nell’acqua, ma senza un concentratore solare avrete bisogno di 2 o 2,5 ore di sole pieno: per bere un litro d’acqua a Parigi, New York o Shanghai, sarà complicato!” esclama il co-fondatore. E nessuno ci proverà se non avrà le informazioni e le rassicurazioni del caso”.

Versione “artificiale” per i paesi sviluppati

Brevettare la loro scoperta sembrava elementare per i soci: “Ci chiedevamo se saremmo stati presi per matti perché volevamo brevettare il sole”, ride Pascal Nuti. Per questo motivo e per un altro, che era quello di proteggere i Paesi in via di sviluppo, non abbiamo brevettato esattamente quello che facevamo, ma piuttosto questa stessa azione prodotta dalla luce artificiale. Questo è ciò che utilizziamo oggi nel nostro depuratore. Abbiamo fatto in modo che i paesi in via di sviluppo potessero possedere l’invenzione senza dover pagare royalties”.

Purificateur et bouteille LaVie

Il processo che hanno brevettato è proprio la fotolisi del cloro da parte dei raggi UV-A, che porta a una reazione di ossidazione complessa e del tutto naturale con conseguente purificazione dell’acqua.

démo LaVie

Con questo processo, il cloro e i suoi sottoprodotti scompaiono, gli inquinanti organici come i pesticidi e le tracce di medicinali vengono rimossi e gli oligoelementi vengono preservati, promettono gli imprenditori.

L’idea dei due imprenditori era infatti quella di creare depuratori d’acqua che funzionano con la luce artificiale, venderli ai Paesi sviluppati e pagare con i loro profitti in modo che la versione solare del loro esperimento, molto più accessibile, potesse essere distribuita nei Paesi in via di sviluppo. “L’idea è quella di formare qualcuno e aiutarlo a creare un’attività attorno a questo concentratore solare che tratta l’acqua in 30 minuti, in modo che questa soluzione solare possa essere moltiplicata, ad esempio in Africa, ed essere commercializzata a 5 o 10 euro, con un microcredito”, spiega Pascal Nuti.

È il 2017 e viene deciso che il nome della loro azienda, che offre purificatori di luce artificiale e si rivolge ai Paesi sviluppati, sarà LaVie. Pascal Nuti e Saadi Brahmi hanno finalmente messo a punto il loro purificatore: un cilindro di trattamento in cui, grazie ai LED, vengono riprodotti i raggi UVA del sole, moltiplicati per 6. È sufficiente riempire una bottiglia di vetro, fornita con il dispositivo, con acqua di rubinetto, inserirla e chiuderla. La custodia rileva automaticamente la presenza della bottiglia e si accende e spegne dopo 15 minuti. Secondo i partner, i vantaggi rispetto a un filtro a caraffa includono il fatto che l’acqua non può essere contaminata da batteri, poiché non viene lasciata all’aria aperta, e il fatto che i depuratori LaVie funzionano senza filtri, non richiedono manutenzione e non generano rifiuti. La luce artificiale è programmata per durare 50.000 ore, che corrispondono a 200.000 litri di acqua trattata, secondo Pascal Nuti. In altre parole, non dovrà mai essere sostituito.

Un premio al CES di Las Vegas

Un grande progetto, che però ha ancora bisogno di essere raccontato e venduto prima di passare alla produzione su larga scala: alla fine del 2017, i due imprenditori decidono di andare al CES (Consumer Electronics Show) di Las Vegas, un’enorme fiera dedicata all’innovazione tecnologica nell’elettronica di consumo. Hanno vinto un premio per il loro processo di trattamento dell’acqua ecosostenibile e, secondo Pascal Nuti, sono stati notati anche da grandi aziende come PepsiCo e Veolia. Avevamo un prototipo di depuratore e lo abbiamo sperimentato con l’acqua di Las Vegas, una delle più ‘marce’ del mondo”, racconta l’imprenditore. La gente è rimasta davvero sorpresa”.

Saadi Brahmi e Pascal Nuti hanno quindi lanciato una campagna di finanziamento su Kickstarter. Stanno vendendo 500 depuratori a privati, ma anche 500 all’azienda francese Boulanger, che ha notato la loro innovazione a Las Vegas. “A metà 2018 ci siamo trovati a realizzare 1.000 prototipi che abbiamo consegnato in autunno”, racconta l’imprenditore. Da tutto il mondo dove abbiamo consegnato, che si tratti di Colombia, Brasile, Stati Uniti ed Europa, abbiamo ricevuto messaggi di congratulazioni”.

Qualche mese dopo, Boulanger li richiamò per ordinare da 4000 a 5000 depuratori. Questo è l’inizio della trasformazione dell’azienda, che cambia improvvisamente le sue dimensioni. Questo ci ha causato molti problemi”, osserva Pascal Nuti. Non eravamo pronti. Noi due siamo rimasti in azienda per due anni per progettare tutto”. Da allora il team si è triplicato. Tutto ciò che può essere prodotto e assemblato localmente, tranne la bottiglia di vetro, che è prodotta in Cina, poiché al momento non esistono altre soluzioni per questo tipo di vetro. Attualmente LaVie vende i suoi prodotti attraverso il sito web, ma sono disponibili anche nei negozi Boulanger in Francia.

CES 2022 - Pascal Nuti allo stand LaVie

Pascal Nuti sur le stand LaVie au CES 2022

L’azienda si prepara a lanciare un nuovo round di raccolta fondi entro l’estate, concentrandosi sulla sua comunità di clienti. In programma per i prossimi mesi ci sono anche refrigeratori d’acqua per le case e altri per le aziende e le comunità. Queste fontane dovrebbero avere il vantaggio di creare cloro in loco, cloro destinato in particolare alla pulizia: “Potremo fare a meno della manutenzione e quindi ridurre i prezzi in questo settore, aumentando al contempo la sicurezza”, afferma Pascal Nuti… Perché oggi, negli enti locali, abbiamo molte fontane d’acqua per le quali i noleggiatori a volte dimenticano gli obblighi di manutenzione! La commercializzazione di queste fontane è prevista per la fine del 2021. Gli imprenditori sono in gran parte convinti che la loro attività non sarà una tempesta in un bicchiere d’acqua…

Intervista di ID L’INFO DURABLE

Perché filtrare l’acqua? L’opinione di Pascal Nuti, cofondatore di LaVie

“Se prendete una mappa della Francia per l’acqua potabile, vedrete che ci sono un centinaio di punti in rosso, che sono variabili, semplicemente perché abbiamo un inquinamento da pesticidi, per esempio. Si trovano in quantità misurate, che non sono pericolose a priori perché lo Stato sostiene che lo sono, tranne che lo Stato non misura mai nulla se non l’inquinamento elemento per elemento. Se, ad esempio, prendiamo un’acqua di qualità con diversi pesticidi allo stesso tempo, nessuno è andato a verificare se l’assorbimento di questi tre elementi insieme sia cancerogeno o meno. Purtroppo, questi sono chiamati cocktail di pesticidi e tutti nella comunità scientifica pensano che siano piuttosto pericolosi, persino molto dannosi. Ma se si volessero misurare tutte le coniugazioni dei pesticidi ci vorrebbe un lavoro millenario!”.

LaVie Lambesc