Il filtro della caraffa

Molti di voi utilizzano un filtro a caraffa in casa e hanno domande sul suo funzionamento.
Cercheremo di rispondere a questa domanda, senza entrare in un dibattito scientifico già ampiamente disponibile.

In fondo a questo articolo riportiamo i link a uno studio molto completo dell’ANSES e a un altro dell’associazione “Que choisir”.

Un filtro a caraffa è costituito da un contenitore con un doppio serbatoio, la parte superiore è progettata per ricevere l’acqua da filtrare, la parte inferiore per conservare l’acqua filtrata.

Al centro si trova un filtro di plastica, che deve essere sostituito ogni mese o dopo 100 litri di acqua filtrata.

cartouche carafe filtrante

Il contenuto di una caraffa filtrante è il seguente:

Le perle bianche sono resine a scambio ionico, le perle nere sono carbone attivo, il tutto avvolto in plastica e arricchito con particelle d’argento per prevenire la crescita batterica nel filtro.

Come per le cialde di caffè, è molto difficile da riciclare, a meno che non si paghi molto per un processo specifico, a causa del mix di componenti e del basso valore dei materiali.

L’acqua versata nel serbatoio superiore del filtro a caraffa passerà quindi per gravità attraverso queste sfere (l’operazione richiede diversi minuti e deve essere eseguita in più fasi) nel serbatoio inferiore. Le caraffe filtranti non sono ermetiche e richiedono quindi una certa attenzione nel loro utilizzo/conservazione.

È inoltre importante capire che la capacità utile non è quella pubblicizzata, ma solo quella del serbatoio di fondo: la capacità pubblicizzata di 2,4 litri per i modelli più comuni contiene quindi solo 1,4 litri, ma occupa ben 3 litri di spazio nel vostro frigorifero, che di solito non ha un alloggiamento dedicato per il filtro della caraffa.

Parliamo di oligoelementi e caraffe

Ma parliamo di oligoelementi, in particolare di calcio e magnesio.

Un filtro a caraffa riduce fortemente il calcio, di circa l’80-90% grazie alle perle di resina bianca, si legge nel loro opuscolo.

Il calcio e il magnesio sono essenziali per la nostra salute e non sono certo responsabili dei calcoli renali. Compriamo acqua minerale a 30 centesimi a bottiglia per il suo contenuto di calcio e magnesio, o formaggio, o latte, perché non bere quello che ci arriva?

Inoltre, per ridurre il calcio, questi prodotti lo sostituiscono con il sodio, con il risultato di un’acqua più salata in uscita. Fate quindi attenzione se avete un eccesso di sale nell’organismo o se dovete seguire una dieta speciale.

Quindi, sì, è un dato di fatto che un filtro a caraffa riduce il cloro nella stessa misura, e questo è probabilmente il motivo principale del suo utilizzo.

Ma, secondo l’Ances, produce acqua acida, il cui pH scende da 7,5 a 6, e diventa corrosiva per i metalli. In effetti, un cucchiaio di acido citrico pulisce efficacemente il calcare per 2 sterline al kg, ma in realtà non rimetterete il metallo corroso nel vostro bollitore, che si corroderà e poi si bucherà se ci fate bollire troppo spesso acqua acida e salata. Pertanto, non è consigliabile utilizzare l’acqua filtrata negli elettrodomestici che riscaldano l’acqua in metallo: bollitori, macchine da caffè, ecc.

bouteille purificatrice d'eau LaVie pure

Un’alternativa al filtro della caraffa… senza filtro!

I depuratori d’acqua LaVie® UV-A funzionano senza filtri né manutenzione e consentono di depurare l’acqua del rubinetto in 15 minuti.

Utilizzano una tecnologia innovativa e brevettata, esclusiva di LaVie®: la fotolisi del cloro da parte dei raggi UV-A.

Questo trattamento consente di rimuovere il cloro e i suoi sottoprodotti, i composti chimici come alcuni pesticidi o tracce di farmaci, nonché i sapori e gli odori che si possono trovare nell’acqua di rubinetto.

Il risultato è molto qualitativo e ci permette di tracciare una linea definitiva sul consumo di acqua in bottiglia di plastica.

L’impronta di carbonio associata alla produzione del tubo di alluminio del depuratore UV viene neutralizzata in pochi giorni di utilizzo rispetto al consumo equivalente di acqua in bottiglie di plastica.

E i batteri nelle caraffe filtranti?

L’ultimo punto è quello batteriologico. UFC que choisir e ANSES mettono in guardia dopo le analisi sui “nidi di batteri” misurati nell’uso quotidiano delle caraffe filtranti.

Grazie a queste informazioni, potrete scegliere il vostro depuratore d’acqua con precisione, in base alle vostre esigenze e ai vostri usi.

Vuoi rimanere aggiornato sui nostri articoli sull’acqua?

Iscriviti di seguito alla nostra newsletter
e ottieni -5% sul tuo primo ordine!