Calcio / ione calcio nell’acqua potabile, la verità!

Probabilmente non l’avete notato, è insidioso, ma quando si parla di acqua minerale si elogiano le virtù dei minerali, mentre nel marketing delle caraffe filtranti si parla del brutto calcare.

Vi racconterò l’incredibile storia di questa roccia sotterranea, fino ai nostri bicchieri d’acqua, poi ai nostri corpi.

Qual è lo scopo del calcio?

Quindi, ve l’abbiamo detto, senza calcio si muore, abbastanza rapidamente, serve a controllare i muscoli, a formare lo scheletro, le unghie, i denti, ecc.

È un elemento molto presente sul pianeta, il quinto della crosta terrestre con il 3%. È anche una parte importante del nostro corpo, in quanto rappresenta il 2% del nostro peso. Diversi meccanismi ne garantiscono l’equilibrio, ma ciò che è certo è chedeve essere assorbito in quantità sufficiente per permettere all’organismo di svolgere il suo lavoro di misurazione.

Quindi, negli ultimi 60 anni, vi è stato detto che a questo scopo dovete bere latte o mangiare formaggio, devo dirvi che non è vero!

Perché? È molto semplice: ogni volta che si beve latte o si mangia formaggio, si assorbe calcio, senza sbagliare, ma anche proteine animali, che ne riducono notevolmente la biodisponibilità.

Verre d'eau

Una falsa diceria: si dice che l’acqua minerale fornisca un calcio migliore per la salute rispetto a quello presente nell’acqua del rubinetto…

Questo è ovviamente completamente falso, immaginate il bello studio scientifico che sarebbe disponibile se fosse vero. Non molto tempo fa, l’OMS raccomandava tre latticini al giorno (ancora oggi ne raccomanda due…).

Quindi, con tutti questi dati complessi davanti a noi, provenienti soprattutto dal marketing, non è facile vederci chiaro.

Ma continuiamo con lo ione calcio, spesso raccolto dalle acque sotterranee nelle rocce di carbonato di calcio.

L’acqua del rubinetto ci fornisce in media il 25% dell’apporto giornaliero, il resto si trova in spinaci, broccoli, cavoli, insalata, mandorle ecc…

bouteille purificatrice d'eau LaVie pure

Preservare gli oligoelementi nell’acqua di rubinetto con LaVie

I depuratori d’acqua LaVie® UV-A funzionano senza filtri né manutenzione e consentono di depurare l’acqua del rubinetto in 15 minuti.

Utilizzano una tecnologia innovativa e brevettata, esclusiva di LaVie®: la fotolisi del cloro da parte dei raggi UV-A.

Questo trattamento consente di rimuovere il cloro e i suoi sottoprodotti, i composti chimici come alcuni pesticidi o tracce di farmaci, i sapori e gli odori che si possono trovare nell’acqua di rubinetto, preservando il 100% degli oligoelementi.

Il risultato è molto qualitativo e ci permette di tracciare una linea definitiva sul consumo di acqua in bottiglia di plastica.

L’impronta di carbonio associata alla produzione del tubo di alluminio del depuratore UV viene neutralizzata in pochi giorni di utilizzo rispetto al consumo equivalente di acqua in bottiglie di plastica.

E il calcare?

Altra disinformazione: l’acqua dura contiene calcare.

Certo che no, nell’acqua del rubinetto ci sono solo sali disciolti (ioni di calcio e magnesio), nessuna “roccia” (tartaro, aragonite, calcare), non si rischia nulla, assolutamente nulla, bevendola, anzi, il contrario.

Quindi, sì, ma come mai si vedono scaglie/calcare/aragonite nello scaldabagno, nel bollitore o in altre macchine per il caffè?

Ciò è dovuto all’equilibrio acido-base: quando si riscalda l’acqua che contiene naturalmente C02 (acido), la si espelle nell’aria in un ambiente aperto, oppure la si costringe a microbolle sulle pareti in un ambiente chiuso, aumentando la pressione interna.

A questo punto, il mezzo diventa leggermente basico (pH superiore a 8) e il calcio disciolto inizia a mutare in una forma cristallina solida, ad esempio l’aragonite. Il fenomeno accelera rapidamente al di sopra dei 60°C.

Questo non accadrà nel vostro corpo a 38°C!

Tutti questi fenomeni possono essere evitati con una progettazione intelligente degli elettrodomestici e degli scaldabagni, che costerebbe solo pochi euro in più e li renderebbe quasi infrangibili. Per i curiosi e gli smanettoni, è sufficiente utilizzare ciotole o palloncini in acciaio inossidabile e applicare una pellicola riscaldante all’esterno. Questo riduce la densità di potenza di un fattore da 10 a 100 volte e non crea più lo shock termico una tantum necessario per avviare la reazione. Guardatevi intorno, c’è già uno scaldabagno sul mercato e presto anche un bollitore.

Dovreste anche sapere che i crostacei utilizzano questo processo per costruire il loro guscio: sfruttano un fenomeno chiamato bio-mineralizzazione, facendo sì che il calcio e la CO2 degli oceani si combinino in calcite.

Spero che, dopo aver letto questo articolo, abbiate capito che il calcio è uno dei pilastri della nostra salute, probabilmente uno dei più importanti. Quindi dovremmo smettere di acquistare dispositivi inquinanti per ridurre gli oligoelementi e poi cercare di ottenerne una dose nei prodotti lattiero-caseari, che sono altrettanto pesanti dal punto di vista ambientale. Siamo proattivi, analizziamo ciò che accade dentro di noi e intorno a noi, usiamo il nostro buon senso: è questo che ci permette di prendere buone decisioni.

Vuoi rimanere aggiornato sui nostri articoli sull’acqua?

Iscriviti di seguito alla nostra newsletter
e ottieni -5% sul tuo primo ordine!